Una beauty blender per Natale??? Prima leggete qui…

Buongiorno a tutte bellezze!! In questa gelido e umidissimo lunedì parliamo di make-up ma sempre in chiave naturale! Quante di voi usano le spugnette per il trucco, tipo la Beauty Blender?? Questo potrebbe essere benissimo un ottimo regalo di Natale tra l’altro 😉 Io ne ho diverse per ogni forma, consistenza e colore, dalla classica con la forma a goccia per il fondotinta e correttore liquidi, alla spugnetta piatta per il fondotinta in polvere compatta a quella triangolare da utilizzare sotto agli occhi. Benissimo, direte voi…se vi dicessi la parola muffa, quante di voi capirebbero di cosa sto parlando? Se siete curiose anche voi…leggete oltre!! 😉

Oggi voglio darvi un po’ di consigli su come gestire il problema muffe nelle spugnette da trucco. C’è da partire però con una premessa importante: se non le utilizzate bagnate il problema non sussiste perchè effettivamente muffe e lieviti proliferano in ambienti molto umidi (basti pensare al classico ambiente di spogliatoi e piscine), quindi se ogni giorno bagnate la spugnetta non bisogna essere molto sorpresi se dopo uno o due mesi inizieranno a formarsi le prime chiazze di muffetta. Il discorso vale benissimo anche se la lavate uno giorno a settimana o tutti i giorni…dove c’è umidità c’è muffa! Se invece la utilizzate da asciutta e la lavate una volta a settimana noterete come la muffa non comparirà prima di diversi mesi. download

Bene, ora arriviamo alla parte dei consigli…come preveniamo il più possibile questa schifezza?? Se usate quella originale da 16 euro immagino che comprarne una ogni mese o ogni due mesi non sia proprio il massimo della vita eheh ma dà molto fastidio anche a me che ne acquisto di super economiche!

Dunque, bando alle ciance..la prima cosa da fare è lavarla con un sapone che sia molto antibatterico e di lavarla bene. Non dico di metterci dentro l’antifungino, cosa che nuocerebbe anche alla vostra pelle, però insomma cercate di lavarla il più possibile e lo step fondamentale è di strizzarla e asciugarla dentro un panno il più possibile. images th

La seconda cosa fondamentale da tenere in mente è quella di non metterla mai dentro una scatola chiusa ma lasciarla all’aria il più possibile in modo che si asciughi in fretta. Se siete da marzo in poi potete lasciarla al sole possibilmente, visto che è un antimuffa naturale. In inverno diventa già più difficile e soprattutto, se abitate in un luogo umidissimo come me, saprete che disastro riuscire ad utilizzarla ogni giorno bagnata e fare sì che si asciughi ogni giorno in tempo per l’utilizzo successivo!! Datele quindi un breve colpo di phon, so che è una seccatura ma le allungherà di certo la vita solo seguire queste tre prime semplici regole.

download-1 download-2

L’ultimo consiglio che voglio darvi è quello di mettere due gocce di numero di olio essenziale all’interno della spugnetta, la dose giusta per avere un minimo effetto inibente sulle muffe e batteri ma anche non provocare la formazione di reazioni allergiche! Sappiamo molto bene che il 90% degli oli essenziali ha un’azione antibatterica e quindi questo ci viene molto in aiuto, visto che non possiamo pretendere di metterci sopra l’antifungino ogni volta che la laviamo eheh 😉 quindi riassumendo i miei consigli sono questi: lavarla con un detergente adeguato, passarla in un asciugamano molto assorbente dopo averla strizzata bene dopo il lavaggio, non metterla mai in una scatola chiusa ma lasciarla sempre all’aria, asciugarla il più possibile con il phon o lasciarla al sole, aggiunta di due gocce di olio essenziale! Tanto lavoro ma alla fine sono anche soldini risparmiati prolungarle la vita 😉 un bacione bellezze! :*download-3 download-4 download-5 images-1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *