Saper restare al mondo nonostante…

In Italia,

Ogni mattina,

Quando sorge il sole,

un uomo si sveglia, e sa che dovrà sopportare una serie di acide conseguenze alle sue azioni fatte in buona fede per potersi svegliare il giorno dopo.

In Italia,

Ogni mattina,

Quando sorge il sole,

una donna si sveglia, e sa che dovrà sopportare l’ essere vittima di una serie di situazioni paradossali per potersi svegliare il giorno dopo.

In Italia, ogni mattina, quando sorge il sole, non importa che tu sia un uomo, una donna, un ermafrodito, un idiota, un porco, una di facili costumi, un imbecille o una deficiente, l’importante è che cominci a sopportare.

Pensando a questo post ho voluto farmi una lista su un foglietto trovato nella mia borsa miracolosa e piena di qualsiasi cosa si possa desiderare, anche se ultimamente a parte la carta, mi fa trovare un sacco di centesimi di rame, i quali ho scoperto da poco tempo che non sono da sottovalutare: grazie ad alcuni errori che ci sono stati nel coniare i centesimi pari a 0,1, infatti quelli con la bellissima Mole Antonelliana sul retro (disegno dei 0,2 cent.) possono valere 2.500 euro.

Comunque a parte la breve pausa che vi sarete dedicati per cercare i centesimi fortunati, io sul mio foglietto sono arrivata a 17 cose che non sopporto, ma ho a disposizione solo 9 punti, quindi dopo una simil accurata selezione….:

  1. IL CUCCHIAIO D’ARGENTO:

zuppe_invernoTutte le volte mi ritorna in mente quanto mi faceva schifo mangiare all’asilo eppure non mi ritengo una persona schizzinosa.

Amanti o costretti mangiatori di minestre, minestroni, vellutate o pezzi  solidi in brodo, quando il cucchiaio vi cade dentro il piatto o la pentola cosa provate? In pochi secondi il vostro pasto diventa una partita di alti livelli a shanghai: non solo dovete resistere al dolore delle dita che si potrebbero bruciare senza macchiare la tovaglia, ma usare un’altra posata senza farla cadere o far scivolare un’altra volta il cucchiaio causa del vostro malessere temporaneo.

2. QUASI COME UNA PIAGA D’EGITTO:

mosche

Scena: giro in centro. Sei uscito perchè hai il tempo di farti una passeggiata: non importa dove, ti fai un giro, ti svaghi, ti rilassi, vuoi liberare la mente dopo lo studio, il lavoro, una polemica, ecc..E cosa accade? Non ci potrai proprio credere…!

Il calzino è sceso e si è infilato a metà del piede sotto il tallone…

3. NON SO SE SON PAZZO O SONO UN GENIO:

Mi dispiace dirlo,  perchè mi dispiace, ma non ho mai capito perchè vi decoriate l’anulare in maniera diversa. E spero davvero che qualcuno mi delucidi perché non so a chi chiedere e la giovane ragazza che, delle volte, si prende cura di me dandomi una sistemata, è troppo tamarra e non credo faccia testo, dal momento che tutte le volte mi propone di uscirmene da quel posto con le unghie mezze bianche per la french come se avessi deciso di giocare col bianchetto e con qualche brillantino, a suo dire: “Vedi che è fine!”.

images

4. GIA’ CHE SE IN PIEDI..:

Vorrei mandare un messaggio a tutti coloro che invitano gente su facebook a degli eventi, pur sapendo che questi si trovano a 1500 chilometri di distanza. Pensi che possa trovarmi per caso nei pressi? Che visto che sono stata invitata mi prendo un volo?

5. MAGARI NO…:

Coloro che una volta che trovano il o la fidanzata si chiudono nella loro relazione convinti di esserci esattamente come prima, accecati dalla passione iniziale che c’è per ogni amore. Ma soprattutto convinti di essere delle persone indipendenti e legittimate a criticare.

6. AH, ANCHE TU QUI?!:

Quando nella tua lunga lista di amici su facebook ci sono coloro che non ti mettono il like per principio, ma ti copiano il post facendo finta di no.

7. MA LA SMETTI?!:

Corso Francia 9C, Torino. Game Academy, c’è un ritrovo anche quando è chiuso perchè si attende l’apertura e non chiude fino alle ore 22 passate nel weekend di giovani che giocano a carte, ma non a briscola…Basta ricevere notifiche da parte di amici che ti invitano a giocare…photo

images-1

8. LE SEI DI MATTINA:

Scena: ufficio, io al computer che scrivo delle mail, il telefono al mi fianco…bzzzzz (non sapevo come imitare la vibrazione del telefono e volevo farvelo sembrare il più vero possibile).

“CIAOOOO! COME STAI? IO MOLTO BENE, ANZI BENISSIMO, VEDIAMOCI UNO DI QUESTI GIORNI COSI’ TI POSSO RACCONTARE DELLA MIA FELICITA’ DI ADULTA E MATURA! TU? CONTINUI A FARE LE 5 A BALLARE?! UN BACIONE”

Risposta:

“Ciaoooo! Io tutto bene! Non vedo l’ora di vederti per raccontarti cosa faccio fino alle 5. Spero che dormire ti diverta almeno quanto  a me rende felice stare con gli amici. Ci vediamo presto.”

9. GRAZIE PREGO SCUSI TORNERO’:

images-2

Indifferenza profonda verso coloro che ti mandano un messaggio dopo mesi di silenzio perchè per una breve frazione di qualche secondo della loro vita vissuta fino a quel momento vi hanno pensato, credendo fosse giusto interrompere la vostra quiete ritrovata.

#svegliarsi per curiosità

Alla prossima,

Novella

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *